– Vita associativa –

Maurizio Bandecchi di Assotir Toscana contro il pedaggio in Fi-Pi-Li: “mancano dialogo e confronto sulle infrastrutture”

Maurizio Bandecchi di Assotir Toscana contro il pedaggio in Fi-Pi-Li: “mancano dialogo e confronto sulle infrastrutture”

14 Dicembre 2022

Assotir è intervenuta nei giorni scorsi a nome degli autotrasportatori per scongiurare l’operazione “Toscana Strade” per il pagamento di pedaggi sulla Strada di Grande Comunicazione (Sgc) Fi-Pi-Li. Nel corso dell’intervento, è stata più volte denunciata la mancanza di dialogo e di confronto sul tema infrastrutture da parte di Maurizio Bandecchi di Assotir Toscana che ne sottolinea la necessità “altrimenti si alimentano equivoci e convinzioni non basate su fatti concreti, come il fatto che il traffico pesante sia dovuto alla “furbizia” di evitare i pedaggi della A11. In realtà, il traffico pesante in Fi-Pi-Li è per la stragrande maggioranza traffico locale dovuto al fatto che sul versante meridionale del Valdarno è l’unica infrastruttura a servizio di moltissime zone produttive che non hanno alternativa alla Fi-Pi-Li, la quale è nata appositamente per dare un collegamento est-ovest alle diffuse attività manifatturiere e distributive della Toscana centrale. L’alternativa è la statale Tosco Romagnola e si è visto bene l’effetto sulla viabilità locale, delle chiusure fra Empoli est e ovest dei giorni scorsi”.

“Si dimentica che non ci sono possibili collegamenti fra la Fi-Pi-Li e l’A11 – evidenzia Bandecchi – perché tutte le strade che le potrebbero collegare sono caratterizzate da divieti di circolazione ai mezzi pesanti. Infine, sarebbe bene almeno tenere in considerazione il fattore competitività del nostro sistema produttivo locale, legato a filo doppio con il servizio di trasporto che non potrebbe che scaricare sui propri clienti, i nuovi costi dei pedaggi. Occorrerebbe quindi prevedere almeno delle forme di agevolazione per le imprese di trasporto locali, ad esempio considerando nuove forme esenzione o quantomeno di abbonamento”.

“Come considerazione finale va segnalata la crescente esasperazione delle imprese di trasporto che sono sempre più penalizzate da costi crescenti del gasolio , da un mercato in calo e soprattutto da un sistema di regole che va profondamente riformato, da cui scaturiscono le quattro proposte di riforma lanciate da Assotir: costi minimi di sicurezza obbligatori, limiti alla subvezione, riconoscimento economico dei tempi di attesa al carico e scarico e tempi di riscossione al massimo di 30/60 giorni”.

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
  • Home
  • Vita associativa
  • Maurizio Bandecchi di Assotir Toscana contro il pedaggio in Fi-Pi-Li: “mancano dialogo e confronto sulle infrastrutture”
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow