News

Porto di Civitavecchia: sospeso il fermo dei servizi. L’unità dei trasportatori porta i primi risultati. Loffarelli: Atto di fiducia negli impegni del Presidente dell’AdSP, ma l’obiettivo resta il rilancio dell’attività mercantile del nostro Porto.

Porto di Civitavecchia: sospeso il fermo dei servizi. L’unità dei trasportatori porta i primi risultati. Loffarelli: Atto di fiducia negli impegni del Presidente dell’AdSP, ma l’obiettivo resta il rilancio dell’attività mercantile del nostro Porto.

17 Marzo 2018

Il Presidente, dal canto suo, ha assicurato un intervento immediato sulle questioni, evidenziate dai trasportatori, che possono essere risolte a strettissimo giro.

Dovrebbero sbloccarsi, dunque l’istallazione di servizi igienici nei piazzali; la messa a disposizione dell’area dove ospitare moduli abitativi uso ufficio in attesa dell’iter di assegnazione, alle imprese operanti nel Porto, di spazi operativi definitivi nell’Area Special Cargo che va comunque accelerata.

Altro tema su cui il Presidente si è impegnato è quello di ottenere maggior impegno e garanzie per le imprese operanti in porto da parte degli armatori.

Abbiamo voluto sentire – sulla protesta di questi giorni e sul suo, almeno provvisorio, esito – il pensiero di Patrizio Loffarelli.

La nostra forma di protesta – sottolinea il rappresentante di Assotir  ha voluto rappresentare un’occasione di riflessione non soltanto per l’Amministrazione dell’Autorità di sistema, ma per l’intera Città, per i suoi operatori economici, i lavoratori ed i cittadini civitavecchiesi.

Abbiamo voluto, forti dell’unità raggiunta dalla categoria, denunciare come manchi, da parte di troppi, la giusta attenzione per il rilancio della parte mercantile del nostro scalo, che, nonostante ne siamo tutti orgogliosi, non può essere visto soltanto come il principale approdo crocieristico italiano ed uno dei maggiori scali passeggeri del nostro Paese.

Civitavecchia, che è il Porto di Roma e del Centro Italia, deve tornare ad essere anche un grande porto commerciale”.

Loffarelli  torna poi sulle questioni che sono alla base delle difficoltà in cui si dibatte il Porto e che pesano innanzi tutto sulle imprese che in esso lavorano, ad iniziare dai trasportatori: “La mancanza cronica di personale in dogana, la sospensione improvvisa di un servizio nave per la Sardegna a discapito del traffico merci per 15 gg senza alcun preavviso, il continuo mancato sviluppo del traffico container, la mancanza di aree cargo, piazzali ed infrastrutture per uffici, la recente azione di sequestro delle gru, la perdita di una parte del traffico legato all’automotive in export, denotano una perdurante mancanza di attenzione da parte del governo centrale, di quello regionale e degli Amministratori di un grande bacino di produzione e consumo come quello rappresentato dalla Città di Roma, verso la crisi in cui versa l’attività mercantile del Porto di Civitavecchia”.

Non è possibile che, in presenza di un simile retroterra non riesca a decollare adeguatamente il traffico container e quello delle rinfuse, mentre si è ancora lontani dal ritornare agli standard, del recente passato, in termini di lavoro, di traffici e di occupazione”.

Ma – continua Loffarelli – se va in crisi il Porto, non vanno in crisi soltanto gli operatori, ad iniziare dai trasportatori. Va in crisi l’intero territorio e la cultura portuale che è intimamente connessa alla realtà civitavecchiese e che ne ha rappresentato, nel tempo, una caratteristica fondamentale”.

Con il nostro fermo abbiamo voluto dare un segnale e ci auguriamo che esso sia stato adeguatamente recepito da chi ha la responsabilità – tanto a Molo Vespucci, quanto alla Pisana ed a Porta Pia – di sostenere adeguatamente il rilancio dello scalo mercantile più importante del Centro Italia”.

Assotir e gli Operatori Portuali – conclude Loffarelli – hanno deciso di sospendere la protesta sulla base di un atto di fiducia nelle assicurazioni del Presidente Di Majo, del Direttore dell’Agenzia delle Dogane dott. Kessler. Ma nessuno si illuda che bastino le promesse a fermare l’iniziativa di chi, forte dell’unità raggiunta, continuerà a presidiare l’attività delle Istituzioni e non esiterà a dar vita a nuove mobilitazioni se esse non fossero coerenti con le assicurazioni forniteci negli incontri di questi giorni”.

Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
  • Home
  • Notizie
  • News Generiche
  • Porto di Civitavecchia: sospeso il fermo dei servizi. L’unità dei trasportatori porta i primi risultati. Loffarelli: Atto di fiducia negli impegni del Presidente dell’AdSP, ma l’obiettivo resta il rilancio dell’attività mercantile del nostro Porto.
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie