– News Generiche –

Porti: il Governo vara la riforma delle Autorità, che passano da 24 a 15

Porti: il Governo vara la riforma delle Autorità, che passano da 24 a 15

22 Gennaio 2016

“Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto di “Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle autorità portuali”, presentato dal Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia. Il provvedimento si inserisce nelle politiche e nelle azioni per il rilancio della portualità e della logistica intrapreso dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

Insieme ad altre azioni in corso, il decreto punta sulla competitività dei nostri porti e sostiene il ruolo dell’Italia, attraversata da quattro corridoi ferroviari Ten-t, come hub nel Mediterraneo e piattaforma logistica europea.

La semplificazione delle procedure per facilitare il transito di merci e passeggeri, la promozione di centri decisionali strategici rispetto all’attività di porti in aree omogenee, la riorganizzazione amministrativa, il coordinamento centrale del Ministero sono i princìpi centrali del decreto.

– SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA

Rispetto agli attuali 113 procedimenti amministrativi, svolti da 23 soggetti, funzioneranno lo Sportello Unico Doganale e dei Controlli, da realizzare sotto il coordinamento funzionale  dell’Agenzia delle Dogane, e lo Sportello Amministrativo Unico, un front office per tutti i procedimenti amministrativi e autorizzativi che non riguardano le attività commerciali  e industriali. Due sportelli che abbasseranno drasticamente i tempi di sdoganamento e amministrativi, oggi imparagonabilmente più lunghi rispetto ai maggiori porti internazionali.

Semplificazioni e risparmi, inoltre, per arrivi e partenze delle navi.

– LA PROMOZIONE DI CENTRI DECISIONALI STRATEGICI: LE AUTORITÀ DI SISTEMA PORTUALE

I porti italiani vengono riorganizzati in 15 Autorità di sistema portuale, centri decisionali strategici con sedi nelle realtà maggiori, ovvero nei porti definiti core dalla Comunità Europea. Le sedi di Autorità di sistema portuale sono: Genova, La Spezia, Livorno, Civitavecchia, Cagliari, Napoli, Palermo, Augusta, Gioia Tauro, Taranto, Bari, Ancona, Ravenna, Venezia e Trieste.

Il decreto prevede che alle nuove Autorità di sistema portuale faranno riferimento 54 porti di rilevanza nazionale. Le Regioni possono chiedere l’inserimento nelle Autorità di Sistema di ulteriori porti di rilevanza regionale.

Alle sedi di Autorità di Sistema Portuale  viene affidato un ruolo strategico di indirizzo, programmazione e coordinamento del sistema dei porti della propria area. Avrà  funzioni di attrazione degli investimenti sui diversi scali e di raccordo delle amministrazioni pubbliche. Stretta la relazione con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in particolare per il Piano Regolatore di Sistema Portuale e i programmi infrastrutturali con contributi nazionali o comunitari. 

– LA RIORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA

L’Autorità di Sistema Portuale sarà governata in modo snello: il Presidente, il Comitato di gestione, cioè un board ristretto a  poche persone, il Segretario Generale, il Collegio dei Revisori dei Conti.  Rispetto agli attuali Comitati Portuali, si passa da circa 336 membri a livello nazionale si passa a circa 70.

Fanno parte del Comitato di gestione:

1) il Presidente, nominato dal Ministro d’intesa con il Presidente o i Presidenti delle Regioni interessate: deve avere comprovata esperienza e qualificazione professionale e ha ampi poteri decisionali;
2) un componente designato dalla Regione, due in caso di due Regioni;
3) un componente designato dal sindaco di ciascuna delle città metropolitane, se presenti nel sistema portuale;
4) un componente designato dal sindaco di ciascuna città ex Autorità portuale, se presenti nel sistema portuale; 
5) un rappresentante dell’Autorità marittima con voto solo sulle questioni di competenza.

Per garantire la coerenza con la strategia nazionale viene istituito al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il Tavolo nazionale di coordinamento delle Autorità di Sistema Portuale.

Per il necessario dialogo con i soggetti economici e sociali attivi nei porti è previsto in ciascuna Autorità di Sistema Portuale un Tavolo di Partenariato della Risorsa Mare, con funzioni consultive di partenariato economico-sociale. 

Le Autorità potranno avvalersi, all’interno del sistema portuale, di Uffici territoriali di Scalo, nelle sedi delle attuali Autorità portuali, con compiti istruttori e di proposta su materie locali e con altri compiti amministrativi, di vigilanza e decisionali propri.

 – LE ALTRE AZIONI IN CORSO PER LA LOGISTICA E PORTUALITÀ

Molti sono, oggi, gli strumenti su logistica e portualità messi in campo dal Mit che rafforzano i porti per affrontare le sfide globali dei porti italiani, quali il raddoppio del Canale di Suez, il gigantismo navale, la necessità di attrazione di investimenti e di grandi partnership industriali, aumento della concorrenza in Nord Europa, Nord Africa, Pireo, area Baltica, Far East.

Le altre azioni in corso:

  • semplificazioni su escavi e dragaggi nel Collegato ambientale
  • collegamenti “ultimo miglio”: all’interno del contratto Rfi sono stati attivati diversi collegamenti ferroviari  portuali
  • revisione dei progetti superati e sblocco degli investimenti
  • ferrobonus e marebonus: 200 milioni di incentivi nella Legge di Stabilità 2016. 

Le nuove Autorità di Sistema Portuale decise dalla riforma

DENOMINAZIONE SEDE PORTI DEL SISTEMA
AdSP del Mar Ligure Occidentale Genova Genova, Savona, Vado Ligure
AdSP del Mar Ligure Orientale La Spezia La Spezia, Marina di Carrara
AdSP del Mar Tirreno Settentrionale Livorno Livorno, Piombino, Portoferraio, Rio Marina
AdSP del Mar Tirreno Centro-Settentrionale Civitavecchia Civitavecchia, Fiumicino, Gaeta
AdSP del Mar Tirreno Centrale Napoli Napoli, Salerno, Castellamare di Stabia
AdSP del Mare di Sardegna Cagliari Cagliari, sede di Autorità di sistema portuale Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano, Portoscuso-Portovesme, Santa Teresa di Gallura (solo banchina commerciale)
AdSP dello Stretto Gioia Tauro Gioia Tauro, Crotone (porto vecchio e nuovo), Corigliano Calabro, Taureana di Palmi, Villa San Giovanni, Vibo Valentia, Reggio Calabria, Messina, Milazzo,Tremestieri
AdSP del Mare di Sicilia Occidentale Palermo Palermo, Termini Imerese, Porto Empedocle, Trapani
AdSP del Mare di Sicilia Orientale Augusta Augusta, Catania
AdSP del Mar Ionio Taranto  
AdSP del Mare Adriatico Meridionale Bari Bari, Brindisi, Manfredonia, Barletta, Monopoli
AdSP del Mare Adriatico Centrale Ancona Ancona, Falconara, Pescara, Pesaro, San Benedetto del Tronto (esclusa darsena turistica), Ortona
AdSP del Mare Adriatico Centro-Settentrionale Ravenna  
AdSP del Mare Adriatico Settentrionale Venezia Venezia, Chioggia
AdSP del Mar Adriatico Orientale Trieste  
– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© 2021 Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie