– News Generiche –

Pedaggi 2016: iniziano le procedure per la richiesta di rimborso

Pedaggi 2016: iniziano le procedure per la richiesta di rimborso

6 Luglio 2017

La procedura si articola in due fasi.

FASE 1 – PRENOTAZIONE DELLA DOMANDA.

La prima fase è iniziata appunto il 3 luglio terminerà alle 14:00 del 22 luglio 2017. 

Si ricorda che le prenotazioni effettuate oltre tale termine saranno considerate come inammissibili.

I richiedenti devono inserire nel sistema i propri dati identificativi e i propri codici cliente rilasciati dalle società autostradali.
Possono presentare la prenotazione le imprese (compresi cooperative, consorzi e società consortili) iscritte all’Albo degli Autotrasportatori, le imprese o i raggruppamenti d’imprese che hanno sede in un Paese dell’Unione Europea con licenza comunitaria di autotrasporto merci in conto terzi, le imprese o raggruppamenti d’imprese con sede in Italia e licenza in conto proprio e le imprese o raggruppamenti d’imprese con sede nell’Unione Europea che esercitano trasporto in conto proprio.

FASE 2 – INSERIMENTO DEI DATI RELATIVI ALLA DOMANDA E FIRMA ED INVIO DELLA DOMANDA

La seconda fase, cui potranno partecipare solamente le imprese che avranno completato regolarmente la prima fase, inizierà dalle ore 9,00 del 21 agosto 2017 e terminerà alle ore 19,00 del 6 ottobre 2017.

Anche in questo caso il termine è perentorio e l’impresa o il raggruppamento che  dovesse tardare a concludere la fase, sarà considerata come inammissibile.

QUALI RIMBORSI POTRANNO ATTENDERSI GLI AUTOTRASPORTATORI?

Innanzi tutto va ricordato che, per la normativa UE in vigore, i rimborsi non potranno, in nessun caso, superare il 13% del valore dei pedaggi pagati da ciascuna impresa e/o raggruppamento.

Ricordiamo poi che il calcolo della riduzione compensata dei pedaggi avviene anche quest’anno secondo fasce di pedaggi pagati nel corso del 2016 purche a partire da 200mila euro.

Le percentuali di riduzione saranno differenziate sulla base della classe Euro del veicolo, ferma rimanendo l’esclusione dei veicoli con motorizzazione Euro 2 o precedente.

Infine, le imprese o i raggruppamenti che hanno effettuato transiti autostradali nelle ore notturne (ossia con ingresso tra le 22:00 e le 2:00 e uscita prima delle 6:00) tali da valere almeno il 10% del totale dei pedaggi pagati, avranno diritto a un’ulteriore riduzione del 10%.

FASCE DI RIDUZIONE TEORICA MASSIMA:

  • Fatturato da 200.000 a 400.000 euro con motore Euro 3: 2%
  • Fatturato da 200.000 a 400.000 euro con motore Euro 4: 3%
  • Fatturato da 200.000 a 400.000 euro con motore Euro 5 o superiore: 4%
  • Fatturato da 400.001 a 1.200.000 euro con motore Euro 3: 4%
  • Fatturato da 400.001 a 1.200.000 euro con motore Euro 4: 5%
  • Fatturato da 400.001 a 1.200.000 euro con motore Euro 5 o superiore: 6%
  • Fatturato da 1.200.001 a 2.500.000 euro con motore Euro 3: 6%
  • Fatturato da 1.200.001 a 2.500.000 euro con motore Euro 4: 7%
  • Fatturato da 1.200.001 a 2.500.000 euro con motore Euro 5 o superiore: 8%
  • Fatturato da 2.500.001 a 5.000.000 euro con motore Euro 3: 7%
  • Fatturato da 2.500.001 a 5.000.000 euro con motore Euro 4: 9%
  • Fatturato da 2.500.001 a 5.000.000 euro con motore Euro 5 o superiore: 10%
  • Fatturato oltre 5.000.000 euro con motore Euro 3: 9%
  • Fatturato oltre 5.000.000 euro con motore Euro 4: 11%
  • Fatturato oltre 5.000.000 euro con motore Euro 5 o superiore: 13%

Ricordiamo, ANCORA UNA VOLTA, che le percentuali di riduzione sopradescritte sono essenzialmente teoriche, in quanto l’entità effettiva della riduzuone potrà essere calcolata solo quando, elaborate tutte le domande e conosciuta l’entità dei pedaggi pagati e la loro distribuzione in fasce di fatturato e classi ecologiche, sarà possibile raffrontare tali risultati con le somme a disposizione – tanto quelle strutturali che quelle annualmente stanziate dal Parlamento – e potrà quindi definirsi concretamente quanto rimborso potrà essere concesso a ciascuna fascia ed a ciascuna classe ecologica, ferma rimanendo la proporzione tra esse definita nella delibera n 05/2017 soprarichiamata.

 

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© 2021 Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie