– News Generiche –

Obbligo del Green Pass nei luoghi di lavori, UNATRAS al Governo: “garantire l’omogenea applicazione della norma al fine di evitare fenomeni di dumping da parte di vettori stranieri”

Obbligo del Green Pass nei luoghi di lavori, UNATRAS al Governo: “garantire l’omogenea applicazione della norma al fine di evitare fenomeni di dumping da parte di vettori stranieri”

8 Ottobre 2021

Con l’ormai imminente obbligatorietà del possesso del Green Pass nei luoghi di lavoro, anche nel settore privato, che scatterà dal prossimo 15 ottobre (previsto dal D.L. n.127 del 21 settembre 2021), UNATRAS (Unione Nazionale delle Associazioni dell’Autotrasporto Merci), nella giornata dello scorso 6 ottobre, ha inviato una lettera al Governo chiedendo di proseguire il confronto in tema di aggiornamento del Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID -19 nel settore del trasporto e della logistica (inserito nell’allegato 14 accluso al DPCM 17.05.2020).

Diversi sono i chiarimenti che UNATRAS chiede all’esecutivo in merito all’obbligatorietà del Green Pass nei luoghi di lavoro, primo fra tutti coniugare le disposizioni del D.L. n.127 del 21 settembre 2021 con le linee guida indicate nell’allegato 14 a loro tempo condivise tra Governo, Organizzazioni Datoriali e Sindacati.

Nello specifico, come recita la missiva, ad UNATRAS preme sottolineare la necessità di garantire l’omogena applicazione della norma su tutto il territorio nazionale a chiunque assicurando il rispetto di tale obbligo tanto agli operatori nazionali quanto agli operatori stranieri. Tutto ciò è assolutamente necessario – continua il coordinamento delle Associazioni –  per scongiurare fenomeni di dumping ed alterazione delle condizioni di mercato che favorirebbero i vettori esteri che, in caso di corretta applicazione della legge, sarebbero de facto esentati dall’obbligo, cosa che alimenterebbe la concorrenza sleale nel settore già durante provato da tali fenomeni.

Inoltre, un miglioramento di alcune disposizioni del D.L. 127 appare per UNATRAS fondamentale in quanto, se non si intervenisse ad esempio sulla normativa in materia di privacy, ad oggi si limiterebbe in maniera significativa la possibilità per i datori di lavoro di adempiere agli obblighi di verifica posti a loro carico dall’art.3 del decreto stesso.

In allegato riportiamo il testo per intero della lettera di UNATRAS

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
  • Home
  • Notizie
  • News Generiche
  • Obbligo del Green Pass nei luoghi di lavori, UNATRAS al Governo: “garantire l’omogenea applicazione della norma al fine di evitare fenomeni di dumping da parte di vettori stranieri”
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© 2021 Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie