– News Generiche –

Localizzazione dei veicoli aziendali tramite GPS: il Garante della privacy interviene in merito fornendo ulteriori chiarimenti

Localizzazione dei veicoli aziendali tramite GPS: il Garante della privacy interviene in merito fornendo ulteriori chiarimenti

3 Agosto 2018

Più nello specifico, il Garante ha ritenuto che le modalità di raccolta delle informazioni, da parte del sistema di geolocalizzazione, non fossero proporzionate rispetto agli scopi evidenziati dall’utente (tra cui quelli di consentire la rapida individuazione del veicolo in caso di richiesta di intervento, di rendere più efficiente la gestione del parco veicolare aziendale e di rafforzare la sicurezza dei dipendenti e dei beni aziendali). Tutto ciò tenendo conto di una serie di fattori, come:

  • La distanza troppo ravvicinata dei rilevamenti della posizione del veicolo (ogni 120 secondi), in contrasto con il provvedimento del Garante del 4 ottobre 2011 secondo il quale “nel rispetto del principio di necessità […] la posizione del veicolo di regola non dovrebbe essere monitorata continuativamente dal titolare del trattamento, ma solo quando ciò si renda necessario per il conseguimento delle finalità legittimamente perseguite
  • L’eccessivo periodo di conservazione dei dati raccolti (365 giorni) sempre in relazione alle finalità perseguite, il quale si risolve in un monitoraggio dell’attività dei dipendenti in contrasto con la disciplina sui controlli a distanza.

Altro elemento oggetto di contestazione da parte del Garante alle società di servizio di geolocalizzazione riguarda la cosiddetta “funzione di privacy”, ovvero la mancata adozione di un dispositivo che permetta al conducente di disattivare la posizione geografica del veicolo, ovviamente durante le pause consentite dall’attività lavorativa. In particolare, il Garante ha ritenuto che il sistema fosse “in concreto idoneo a realizzare monitoraggio continuo dell’attività del dipendente, in violazione dei principi di necessità, pertinenza e non eccedenza […]” ritenendo perciò illecito il trattamento dati effettuato dall’impresa utilizzatrice.

Le imprese fornitrici del servizio di geolocalizzazione sono state, pertanto, invitate a rivedere il servizio offerto ai propri clienti, facendo attenzione a:

  • Informarli sulla possibilità di modificare il sistema rispetto all’impostazione standard per adeguarlo alle finalità perseguite e sull’attivazione della “funzione di privacy”;
  • Configurare la versione standard dei servizi offerti con il sistema di localizzazione, con modalità proporzionate rispetto al diritto di riservatezza degli interessati, facendo riferimento, più nello specifico, agli intervalli temporali di rilevamento della posizione del veicolo, ai tempi di conservazione dei dati e alla messa a disposizione delle mappe dei percorsi effettuati.

 

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
  • Home
  • Notizie
  • News Generiche
  • Localizzazione dei veicoli aziendali tramite GPS: il Garante della privacy interviene in merito fornendo ulteriori chiarimenti
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© 2021 Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie