– News Generiche –

Indici Sintetici di Aaffidabilità fiscale (ISA): le modifiche poste in essere per tener conto del COVID

Indici Sintetici di Aaffidabilità fiscale (ISA): le modifiche poste in essere per tener conto del COVID

10 Giugno 2021

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare 6/E del 4 giugno 2021 fornisce chiarimenti in ordine all’applicazione, per il periodo d’imposta 2020, degli indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA) di cui al D.L. n. 50 del 2017.

Per tale periodo d’imposta, tutti gli ISA sono stati oggetto di una profonda revisione finalizzata a garantirne la corretta applicazione; in particolare, tale aggiornamento è stato effettuato in due momenti:

  • in una prima fase si è proceduto all’integrale revisione di una prima parte degli ISA (n. 87 ISA), secondo il percorso di ordinaria evoluzione cui annualmente circa la metà degli ISA è sottoposta;
  • in una seconda fase sono stati effettuati una serie di specifici interventi che hanno riguardato tutti gli ISA, compresi quelli precedentemente descritti.

Tale attività è stata anche finalizzata, così come previsto dal D.L. 19/05/20 n. 34, a tenere conto degli effetti di natura straordinaria della crisi economica e dei mercati conseguente all’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19 per il periodo d’imposta 2020, nonché a prevedere per la medesima annualità ulteriori ipotesi di esclusione dell’applicabilità degli ISA.

Importante è, a questo proposito, la modifica degli indici che riguarda, come meglio specificato nel prosieguo della news, dell’incidenza del costo del gasolio e, conseguentemente, del costo chilometrico del veicolo connesso al costo del gasolio

I principali contenuti della Circolare

La Circolare offre, innanzi tutto, una panoramica delle attività di revisione straordinaria di tutti gli ISA in applicazione per il p.i. 2020 finalizzate ad adeguare gli stessi alle mutate condizioni economiche e dei mercati e, in particolare, a cogliere gli effetti del COVID-19 per tale periodo d’imposta.

La documentazione relativa ai lavori della Commissione è consultabile sul sito dell’Agenzia delle entrate: Home / Imprese / Dichiarazioni / ISA (Indici sintetici di affidabilità) / Commissione degli Esperti

L’Agenzia segnala che le attività in argomento sono state condotte senza l’introduzione di ulteriori oneri dichiarativi per i contribuenti.

Le nuove cause di esclusione derivanti dalla pandemia COVID-19

Per gli ISA in applicazione per il p.i. 2020 sono state introdotte nuove cause di esclusione connesse alle situazioni in cui gli effetti economici negativi della pandemia in corso per tale annualità si sono manifestati con significatività tale da non consentire una corretta applicazione degli ISA, anche tenuto conto degli specifici correttivi elaborati proprio al fine di cogliere gli effetti economici della pandemia stessa.

In particolare, con due successivi decreti ministeriali è stato previsto che, per il p.i. 2020, gli ISA non trovino applicazione per i contribuenti che:

  • hanno subito una diminuzione dei ricavi di cui all’articolo 85, comma 1, esclusi quelli di cui alle lettere c), d) ed e), ovvero dei compensi di cui all’articolo 54, comma 1, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, di almeno il 33 per cento nel periodo d’imposta 2020 rispetto al periodo d’imposta precedente;
  • hanno aperto la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019;
  • esercitano, in maniera prevalente, le attività economiche individuate da specifici codici attività, il cui elenco è contenuto nella TABELLA 2 allegata alle Istruzioni Parte generale degli ISA consultabili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

L’Agenzia ricorda, tuttavia, che i contribuenti esclusi dall’applicazione degli ISA sulla base di tali nuove cause di esclusione sono comunque tenuti alla comunicazione dei dati economici, contabili e strutturali previsti all’interno dei relativi modelli.

Nei confronti di tali contribuenti, inoltre, coerentemente con quanto già precisato per coloro per cui sussiste una causa di esclusione dall’applicazione degli ISA, è preclusa la possibilità di accedere ai benefici premiali previsti dal comma 11 dall’articolo 9-bis del decreto.

Al riguardo, infatti, si rammenta che nella circolare n. 16 del 16 giugno 2020, era stato precisato che «l’applicazione degli indici nei confronti di contribuenti che operano in un contesto economico o in condizioni specifiche significativamente diverse da quelle prese a riferimento per la costruzione degli indici stessi, non fornisce garanzie di totale affidabilità dei risultati».

La revisione straordinaria degli ISA in applicazione

Con il decreto del 30 aprile 2021 sono stati previsti specifici interventi sulla metodologia degli ISA in applicazione per il periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020, al fine di tenere conto, in base a quanto previsto dal citato articolo 148 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (decreto rilancio), degli effetti di natura straordinaria della crisi economica e dei mercati conseguente all’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19 e, più in generale, per tenere conto di situazioni di natura straordinaria, anche correlate a modifiche normative e ad andamenti economici e dei mercati, con particolare riguardo a determinate attività economiche o aree territoriali così come previsto al comma 2 dell’articolo 9-bis del decreto.

I correttivi COVID-19

L’individuazione di correttivi in relazione al solo periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020, al fine di tenere conto degli effetti di natura straordinaria della crisi economica e dei mercati conseguente all’emergenza sanitaria causata dalla diffusione del COVID-19, è stata effettuata sulla base della metodologia statistico-economica, prevista dall’articolo 148 del decreto rilancio e descritta nell’allegato 5 al decreto ministeriale 30 aprile 2021.

Nella premessa di tale allegato n. 5 è stato evidenziato che, per poter individuare il quadro macroeconomico che ha caratterizzato il 2020, sono state prese in considerazione varie fonti informative (Istat, Banca d’Italia, Cerved, Prometeia) e, in particolare, sono stati analizzati i dati relativi alle informazioni desunte dagli archivi relativi alla fatturazione elettronica, ai corrispettivi telematici, alla forza lavoro dipendente (INPS) e alle liquidazioni periodiche IVA.

È stata anche effettuata un’analisi dei provvedimenti normativi emanati nel corso del 2020 che hanno determinato una sospensione più o meno prolungata di alcune attività economiche, ad eccezione di quelle ritenute indispensabili per individuare i relativi giorni di chiusura delle singole attività coinvolte nell’applicazione degli ISA.

Tutto ciò ha consentito di predisporre degli appositi correttivi, da applicare sia all’analisi degli indicatori elementari di affidabilità[i] ,.sia a quella degli indicatori elementari di anomalia[ii] che tengono conto di alcune grandezze e variabili economiche modificate a seguito della crisi verificatasi nel corso del 2020.

Tali correttivi sono commisurati all’entità dei seguenti fattori sintomatici dello stato di difficoltà economica:

  • contrazione della produttività settoriale stimata sulla base delle analisi descritte in precedenza;
  • giornate di chiusura disposte dai decreti che si sono succeduti nel corso del 2020, differenziate per ciascun codice Ateco;
  • riduzione del valore dei Ricavi/Compensi nel p.i. 2020 rispetto al p.i. 2019 riferite al singolo contribuente;
  • riduzione dei Costi per l’acquisto di materie  prime, sussidiarie, semilavorati e merci e per la produzione di servizi rispetto al valore del p.i. precedente (anche in questo caso, per singolo contribuente);
  • variazione della forza lavoro dipendente del settore ISA sulla base dei dati del modello Uniemens di fonte INPS.

Per quanto riguarda gli indicatori elementari di affidabilità definiti tramite stime (Ricavi per addetto; Compensi per addetto; Valore aggiunto per addetto; Reddito per addetto), l’intervento è consistito nell’adeguare dette stime, agendo sulla riduzione degli input della produzione, del coefficiente individuale e degli addetti all’attività non dipendenti e sulla base della contrazione della produttività settoriale.

Per quanto riguarda gli altri indicatori elementari di affidabilità (durata e decumulo delle scorte) e anomalia, definiti da soglie economiche di riferimento, l’intervento consiste, nella maggior parte dei casi, nell’adeguare dette soglie alle nuove condizioni economiche.

Attraverso l’applicazione dei correttivi proporzionali all’entità della variazione dei fattori sopra elencati, sarà possibile adeguare il giudizio di affidabilità derivante dall’applicazione degli ISA in misura tale da tenere conto delle mutate circostanze economiche che hanno contraddistinto il 2020.

Le altre modifiche del decreto 30 aprile 2021

La Circolare specifica che le altre modifiche apportate agli studi sono essenzialmente l’individuazione degli indici di concentrazione della domanda e dell’offerta per area territoriale e delle misure di ciclo settoriale.

In questo caso si è proceduto a tener conto:

  • nel primo caso, di situazioni di differenti vantaggi, ovvero, svantaggi competitivi, in relazione alla collocazione territoriale;
  • nel secondo caso, degli effetti dell’andamento congiunturale.

Tali indici sono stati individuati anche sulla base della metodologia statistico-economica utilizzata per la revisione congiunturale straordinaria degli ISA.

L’aggiornamento delle territorialità e la modifica degli ISA, si sono rese necessarie al fine di tenere conto dell’istituzione, soppressione, modifica o ridenominazione di alcuni comuni, avvenute nel corso del 2020.

Per quanto riguarda l’analisi territoriale del “Livello del reddito medio imponibile ai fini dell’addizionale IRPEF”, l’aggiornamento è stato effettuato anche sulla base della metodologia statistico-economica utilizzata per la revisione congiunturale straordinaria degli ISA.

Le modifiche riguardanti lo studio ISA sull’autotrasporto

Importanti, per il nostro settore, sono alcune delle modifiche di cui al punto j).

Esse si sono rese necessarie per apportare delle rettifiche alle note tecniche e metodologiche approvate con i decreti ministeriali 24 dicembre 2019 e 2 febbraio 2021.

Senza entrare nel dettaglio e rinviando alla lettura della Circolare, segnaliamo la modifica agli indici BG68U e BG72U, al fine di adeguare la soglia minima e la soglia massima degli indicatori, rispettivamente, “Costo per litro di gasolio consumato durante il periodo d’imposta”, e “Costo dell’alimentazione del veicolo per chilometro”, previsti per tali indici, all’andamento dei prezzi dei carburanti[iii];

 

[i]      –      Ricavi per addetto;

  • Compensi per addetto;
  • Valore aggiunto per addetto;
  • Reddito per addetto;
  • Durata e decumulo delle scorte

[ii]       –      Copertura delle spese per dipendente o delle spese giornaliere per dipendente;

–       Analisi dell’apporto di lavoro delle figure non dipendenti;

–      Analisi dell’apporto di lavoro delle figure non dipendenti rapportato ai giorni di apertura;

–      Incidenza dei consumi sui compensi;

–      Incidenza dei costi residuali di gestione sui ricavi o sul valore della produzione;

–      Incidenza delle altre spese documentate sui compensi;

–      Incidenza delle spese sui compensi;

–      Numero di prestazioni equivalenti per addetto;

–      Incidenza degli oneri finanziari netti o degli interessi passivi sul reddito operativo lordo;

–      Numero di veicoli per addetto;

–      Spese sostenute per detergenti per lavaggio ad acqua per macchina per il lavaggio ad acqua;

–      Spese sostenute per solventi per lavaggio a secco per lavasecco;

–      Numero di attrezzi sollevamento moto per addetto;

–      Numero di cabine verniciatura per addetto;

–      Numero di equilibratrici ruote per addetto;

–      Numero di linee diagnostiche per addetto;

–      Numero di ponti sollevatori per addetto;

–      Mq di officina per addetto.

[iii]      Le soglie degli indicatori sono state determinate dalla SOSE sulla base dei dati medi mensili dei prezzi dei carburanti pubblicati sul sito del Ministero dello sviluppo economico osservati per il 2020.

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
  • Home
  • Notizie
  • News Generiche
  • Indici Sintetici di Aaffidabilità fiscale (ISA): le modifiche poste in essere per tener conto del COVID
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© 2021 Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie