Skip to main content

News

Incontro Autotrasporto-Governo, ASSOTIR: Positiva la volontà politica dell’Esecutivo di intervenire sulle regole

Incontro Autotrasporto-Governo, ASSOTIR: Positiva la volontà politica dell’Esecutivo di intervenire sulle regole

12 Giugno 2024

In merito alla riunione tenutasi nella giornata dell’ 11 giugno scorso tra le Associazioni dell’autotrasporto ed il Viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Edoardo Rixi, soddisfazione è stata espressa dal Segretario Generale di ASSOTIR, Claudio Donati:” La presenza del Viceministro Edoardo Rixi da’ seguito all’avvio del tavolo delle regole promosso a febbraio dal Ministro Salvini. Si tratta di un cantiere molto complesso che deve dare risposte sulle principali criticità del settore, in un quadro in cui sono evidenti le differenze di interessi in campo tra le stesse rappresentanze dell’autotrasporto. È questo che ha zavorrato finora ogni volontà di innovazione reale, ed il fatto che, nonostante tutto ciò, il tavolo sia finalmente partito è da salutare positivamente”.

Certamente – ha proseguito Donati – la ridefinizione della professione di autotrasportatore, che va adeguata ai Regolamenti UE, prevede, tra l’altro, una novità fondamentale: l’obbligo di “proporzionalità” tra fatturato e numero di veicoli e di addetti, per ogni impresa di autotrasporto. Consideriamo molto importante che sia stata recepita nella proposta del Governo.

Inoltre – ha continuato Donati – abbiamo richiamato l’attenzione istituzionale sul tema delle aggregazioni, strumento fondamentale per consentire alle piccole e medie imprese dell’autotrasporto la crescita necessaria per poter reggere sul mercato delle grandi concentrazioni. Si è fatto un passo in avanti sul tema delle reti di imprese, equiparando ai consorzi soltanto le cosiddette reti-soggetto, cioè quelle che hanno un’effettiva autonomia imprenditoriale e giuridica.

Meno soddisfacente è stato il percorso intrapreso sul tema dei tempi di pagamento, tempi di attesa e soprattutto corrispettivo del trasporto, come evidenziato dal Presidente Nazionale di ASSOTIR, Anna Vita Manigrasso: “Sui tempi di pagamento e sui tempi di attesa al carico e allo scarico delle merci, le proposte in campo non ci sono sembrate in grado di spezzare il meccanismo che impedisce il funzionamento delle norme che già esistono, vale a dire il fatto che rimane in capo al trasportatore l’onere di denunciare il mancato pagamento. Cosa che, stante la debolezza contrattuale del trasportatore, finora non è quasi mai avvenuta”.

Sui costi minimi – ha proseguito Manigrasso – Assotir ha ribadito la sua posizione storica, vale a dire la necessità della loro obbligatorietà. Al momento, tuttavia, la maggioranza delle associazioni ha optato per gli attuali valori di riferimento (che, appunto, non sono obbligatori), di cui è stata chiesta una migliore ridefinizione in termini tecnici, e che sono oggetto di confronto con l’Autorità garante per la concorrenza ed il mercato.

Sul tema delle risorse al comparto, è stata importante la comunicazione in trasparenza delle disponibilità assegnate. Va apprezzato lo sforzo del Governo in questa direzione – ha concluso il Presidente Manigrasso – nonostante i vincoli di bilancio, consideriamo le misure – purtroppo – necessarie, ma non risolutive per le difficoltà del settore. Soluzione che potrà avvenire, se avverrà, solo da un quadro normativo che premi le capacità imprenditoriali di chi investe nell’autotrasporto, piuttosto che su chi ci specula sopra. Infine, il Presidente Manigrasso ha espresso apprezzamento per “l’impegno preso dal viceministro Rixi per un nuovo incontro entro quindici giorni, per verificare lo stato di avanzamento dei lavori”.

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
Torna su