Skip to main content

News

INAIL, pubblicato in G.U. il Bando ISI 2018

INAIL, pubblicato in G.U. il Bando ISI 2018

8 Gennaio 2019

Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n.295 del 20 dicembre 2018 è stato pubblicato il nuovo bando ISI 2018 relativo all’erogazione di finanziamenti alle imprese per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Tutta la documentazione del bando (avvisi pubblici regionali/provinciali, i moduli di domanda ed i relativi allegati) può essere scaricata sul sito INAIL all’indirizzo: https://www.inail.it/cs/internet/attivita/prevenzione-e-sicurezza/agevolazioni-e-finanziamenti/incentivi-alle-imprese/bando-isi-2018.html

Il bando, emanato dall’INAIL, rende disponibili alle imprese che ne faranno richiesta complessivi 369.726.206,00 euro, suddivisi in 5 assi di finanziamento, di cui i primi 3 sono rappresentati da:

  • Progetti di investimento e progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (asse di finanziamento 1 e sub assi 1.1 e 1.2). Tra le attività rientranti nel progetto di finanziamento del sub asse 1.1 troviamo quelle dirette alla riduzione dei rischi chimico, da vibrazioni meccaniche e da caduta dall’alto. Nel sub asse 1.2, rientrano le attività dirette all’adozione di modelli organizzativi e gestionali ai sensi dell’art.30 del D.lgs 81/2008 (asseverati e non).
  • Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (asse di finanziamento 2). Rientrano in questa fattispecie i progetti volti a ridurre i rischi legati ad attività di sollevamento, abbassamento e trasporto di carichi.
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (asse di finanziamento 3).

I contributi sono a fondo perduto, sono assegnati fino ad esaurimento dei fondi secondo l’ordine cronologico della ricezione delle domande e sono riconosciuti nel rispetto del regime “de minimis” (gli assi 1,2 e 3).

Il contributo viene erogato in conto capitale ed è calcolato sulle spese ritenute ammissibili, al netto di Iva; per gli assi 1 (sub assi 1.1, 1.2) 2  e 3 il contributo è pari al 65% dell’importo delle spese ritenute ammissibili.

Il massimo contributo erogabile è pari a 130.000,00 euro mentre quello minimo ammissibile è pari a 5.000,00 euro.

Ogni impresa può presentare una sola domanda sul territorio nazionale, per un solo asse di finanziamento e per una sola tipologia di progetto; inoltre, anche per l’annualità corrente è previsto un incentivo crescente (10 punti) per i progetti effettuati con il coinvolgimento di due parti (di cui uno almeno in rappresentanza delle imprese e uno in rappresentanza dei lavoratori), oppure nell’ambito della bilateralità (tredici punti).

Qualora il progetto venga ammesso al finanziamento, lo stesso deve essere realizzato e rendicontato entro il termine di 365 giorni decorrenti dalla data di ricezione della comunicazione di esito positivo della verifica.

Il termine per la realizzazione del progetto e per la sua rendicontazione è prorogabile su richiesta motivata da parte dell’impresa/ente per un periodo non superiore a sei mesi.

Per presentare la domanda occorre:

  • Accedere alla procedura online e compilare la domanda, a partire dall’11 aprile 2019 ed inderogabilmente fino alle ore 18.00 del 30 maggio 2019;
  • Inviare online secondo i tempi e le modalità che verranno rese note sul sito Internet dell’Inail a partire dal prossimo 6 giugno 2019
  • Confermare la domanda online tramite l’inoltro della documentazione a completamento, da effettuare con le modalità e le tempistiche riportate sempre dall’Avviso ISI 2018.

In allegato riportiamo una brochure esplicativa riguardo al Bando Isi 2018

bando ISI 2018

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
Torna su