Skip to main content

News

Angoli ciechi: nel nuovo CDS prevista la delega al governo per una disciplina nazionale. Il Segretario di ASSOTIR, Claudio Donati: ”Ci auguriamo che l’esecutivo emani un decreto entro l’anno per evitare una nuova questione Milano”

Angoli ciechi: nel nuovo CDS prevista la delega al governo per una disciplina nazionale. Il Segretario di ASSOTIR, Claudio Donati: ”Ci auguriamo che l’esecutivo emani un decreto entro l’anno per evitare una nuova questione Milano”

5 Aprile 2024

In merito alla approvazione del testo del nuovo Codice della Strada approvato il 27 marzo scorso dalla Camera dei Deputati, in materia di angoli ciechi, dopo la vicenda che ha riguardato il comune di Milano, il Segretario Generale di ASSOTIR, Claudio Donati ha commentato: “È passato sotto silenzio, nonostante avesse occupato nei mesi passati ampio spazio, il contenuto della delega, concessa dal Parlamento, al Governo in tema di dispositivi per gli angoli ciechi dei veicoli, presente nel testo del nuovo Codice della Strada, approvato dalla Camera, ed ora all’esame del Senato (art. 35 comma 3, lettera (u). Esattamente quanto richiesto da Assotir, a suo tempo (vedi audizione Commissione Trasporti della Camera in data 9 novembre 2023), vale a dire, avere una disciplina unica, per tutti i Comuni d’Italia, superando la scelta “autarchica” di Milano che, di per sé, ha creato più problemi di quanti non ne abbia risolti”.

In esecuzione delle delega ricevuta, il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti deve emanare il decreto che disciplina “l’installazione di dispositivi atti a migliorare la visibilità diretta degli utenti vulnerabili della strada dal posto di guida riducendo gli angoli morti”, valida per tutta Italia.

“E, sarebbe opportuno – ha proseguito Donati – che lo facesse rapidamente, entro l’anno in corso, per ricondurre l’anomalia “milanese” (che, in base alla delibera comunale n. 971 del 2 ottobre 2023, prevede l’obbligo di installazione degli apparati anti-angoli morti entro il 31 dicembre  p.v.) in un ambito di norme omogenee e valide sull’intero territorio nazionale”.

Adesso la palla è al MIT. “Assotir verificherà ha concluso Donati – a partire dai prossimi giorni, che l’iter procedurale sia tempestivo, prima che qualche altro Sindaco si inventi di imitare – a modo suo – Milano”.

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
Torna su