– News Generiche –

Albo Gestori Ambientali. Assemblea annuale 2014. Nuovo regolamento sull’organizzazione ed il funzionamento dell’Albo.

30 Giugno 2014

 Si è svolta a Roma il 6 giugno scorso, l’Assemblea annuale dell’Albo dei gestori ambientali.

L’Assemblea è stata l’occasione per evidenziare la crescita dell’Albo, giunto, sia pure attraverso diverse trasformazioni, anche radicali, al suo ventesimo anno di vita.

Nel ventennio le imprese iscritte sono passate dalle circa 87.000 dell’anno 2006 alle attuali 187.000, grazie anche a diversi provvedimenti di legge che hanno esteso l’obbligo dell’iscrizione quale requisito indispensabile per poter operare a numerose categorie di operatori.

Ricordiamo che l’obbligo di iscrizione è stato in questi anni esteso a:

  • imprese estere che svolgono trasporti trasfrontalieri (trfr) di rifiuti in conto terzi;
  • trasporto dei rifiuti in conto proprio (c/p),
  • imprese che raccolgono i RAEE (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche).

In allegato pubblichiamo il documento dell'Albo che evidenzia le principali variazioni numeriche intercorse in questi 20 anni.

Nel corso dell’Assemblea  è  stato presentato  anche  il  decreto  3  giugno  2014,  recante  il  nuovo Regolamento di organizzazione e funzionamento dell’Albo, che ha ora iniziato l’iter per la sua pubblicazione in gazzetta e che una volta entrato in vigore (presumibilmente nel prossimo mese di luglio) sostituirà l’attuale D.M. 406 del 1998.

In allegato pubblichiamo il documento con la presentazione del nuovo Regolamento, che il Presidente dell’Albo Gestori, Dott. Luigi Onori, ha svolto, nel corso dell’Assemblea Annuale.

In via di estrema sintesi, tra le novità più rilevanti, segnaliamo fin da ora:

  • la sostituzione delle vecchie categorie 2, 3, 6 e 7 (abrogate a seguito delle disposizioni del D.Lgs. 205 del 2010) con le seguenti:
    • categoria 2-bis: produttori iniziali di rifiuti non pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti, nonché i produttori iniziali di rifiuti pericolosi che effettuano operazioni di raccolta e trasporto dei propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedenti 30 chilogrammi o 30 litri al giorno di cui all’articolo 212, comma 8, del D.Lgs. 03/04/06, n. 152;
    • categoria 3-bis: distributori e installatori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE), trasportatori di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche in nome dei distributori, installatori  e gestori dei centri di assistenza tecnica di tali apparecchiature di cui al decreto del Ministro dell’Ambiente di concerto con i Ministri dello sviluppo economico e della salute, 8 marzo 2010, n. 65;
    • categoria 6: imprese che effettuano il solo esercizio dei trasporti transfrontalieri di rifiuti di cui all’articolo 194, comma 3, del D.Lgs. 03/04/06, n. 152;
    • categoria  7: operatori logistici presso le stazioni ferroviarie, gli interporti, gli impianti di terminalizzazione, gli scali merci e i porti ai quali, nell’ambito del trasporto intermodale, sono affidati rifiuti in attesa della presa in carico degli stessi da parte dell’impresa ferroviaria o navale o dell’impresa che effettua il successivo trasporto.
  • Il rinnovo dell’iscrizione all’Albo – che si rammenta va fatta ogni 5 anni – con un massiccio ricorso all’autocertificazione dei requisiti posseduti ed all’invio telematico delle domande di rinnovo (va ricordato che le iscrizioni in essere e le connesse fidejussioni già prestate restano valide ed efficaci fino alla loro scadenza).
  • La possibilità di ridurre gli importi delle fidejussioni (da prestare a garanzia di eventuali danni ambientali) del 40% per le imprese certificate ISO 14001 e del 50% per le imprese certificate EMAS (ai sensi Reg. UE 1221/2009).
  • La possibilità che le perizie dei mezzi idonei al trasporto dei rifiuti siano rese mediante autocertificazione del Responsabile tecnico dell’impresa, anziché da un ingegnere o chimico iscritto nel relativo albo.
  • Una verifica delle capacità professionali dei responsabili tecnici ogni cinque anni e la possibilità che le mansioni dello stesso responsabile tecnico “esterno” ad un’impresa di gestione dei rifiuti possano essere limitate, nel numero delle imprese e nei criteri di assunzione (entrambe queste disposizioni saranno attuate con specifiche delibere del Comitato Nazionale).

 

 

Allegato – 1 – Albo – i numeri

[File allegato] Allegato – 2 – Albo Gestori – il nuovo Regolamento

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
  • Home
  • Notizie
  • News Generiche
  • Albo Gestori Ambientali. Assemblea annuale 2014. Nuovo regolamento sull’organizzazione ed il funzionamento dell’Albo.
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© 2021 Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie