– News Generiche –

Premi di produttività. Chiarimenti INPS su decontribuzione e presupposti

Premi di produttività. Chiarimenti INPS su decontribuzione e presupposti

28 Ottobre 2017

 

Quest’ultima norma ha stabilito che per le aziende che coinvolgono pariteticamente i lavoratori nell’organizzazione del lavoro (con le modalità stabilite nel citato decreto interministeriale), in riferimento ad una quota dei premi di risultato non superiore a 800 € si applichino le seguenti misure:

  1. una riduzione, pari a venti punti percentuali, dell’aliquota contributiva IVS a carico del datore di lavoro;
  2. l’esclusione di ogni contribuzione a carico del dipendente;
  3. la corrispondente riduzione dell’aliquota di computo per il calcolo del trattamento pensionistico.

L’Inps, con la circolare n. 104 del 18 Ottobre 2017 ha dato il via libera alla predetta decontribuzione a partire dal flusso UniEmens di competenza novembre 2018, da presentare entro il 31 dicembre p.v, sia per la quota prevista per i datori di lavoro (20%) sia per quella a favore dei lavoratori (100%); per i premi legati a contratti di secondo livello sottoscritti dopo il 24 aprile 2017 (data di entrata in vigore del d.l 50/2017), sarà possibile recuperare la maggiore contribuzione versata tramite la procedura delle regolarizzazioni.

Sempre nella stessa circolare, l’Inps ha tra l’altro precisato che:

  • l’aliquota IVS da prendere a riferimento, è quella in vigore nel mese di corresponsione del premio agevolabile (principio di cassa);
  • la riduzione è cumulabile con altri benefici contributivi previsti dalla norme vigenti ma, in questo caso, l’aliquota a carico del datore di lavoro sul quale operare la riduzione di 20 punti, è quella al lordo di eventuali agevolazioni che, invece, andranno calcolate sulla contribuzione residua dovuta;
  • i premi interessati dalla riduzione contributiva sono quelli erogati ai lavoratori subordinati, a prescindere  dalla tipologia del rapporto (part time, tempo determinato, ecc..);
  • lo sgravio si applica automaticamente, per cui non occorre ricevere l’autorizzazione dell’Inps. Inoltre, esso spetta anche quando il lavoratore abbia rinunciato al regime di tassazione agevolata dei premi di risultato;
  • in presenza di più rapporti di lavoro intrattenuti dal lavoratore in corso d’anno che diano diritto al premio di risultato, il beneficio potrà essere fruito dal successivo datore di lavoro fino ad esaurimento del plafond di 800 € di premio.

 

– Articoli Correlati –
Che cos’è il Sistema Assotir

Assotir mette al tuo servizio un sistema di servizi e strumenti volti a garantire risposte efficaci e immediate alle esigenze legali, di gestione aziendale, tecniche e di formazione proprie di ogni azienda nel settore dell’autotrasporto.

Entra nel Sistema Assotir e beneficia di un’assistenza completa.

Iscriviti all’area riservata
Per essere aggiornato sulle ultime normative e ricevere le nostre newsletter.
Iscriviti
Torna su
Sede Nazionale

Via Villa San Giovanni, 18 00173 Roma
Telefono +39 06 72 21 815
Fax +39 06 72 960 490
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008

Tutte le sedi

Redazione e contenuti portale web:
M. Sarrecchia
A. Manzi

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00 al seguente numero:

© 2021 Assotir | P.IVA 01430150746. All Rights Reserved.
Sito realizzato da Thinknow | Privacy Policy | Dichiarazione dei cookie